logo CENTRORADIO Snc (VE)

PRODUTTORI

PAGA SICURO

carte di pagamento

Audi Q5 di Davide: l'Hi-Fi di classe!


Davide appena è entrato in possesso della sua nuova Audi Q5 si è reso conto che qualcosa non andava... non era possibile che una vettura di classe Premium come la sua, per giunta dotata di un "sofisticato sistema amplificato a 10 altoparlanti" (come lo definisce l'Audi stessa), non fosse in grado di riprodurre decentemente la sua musica preferita. Ha controllato che non ci fosse qualche funzione da settare, qualche regolazione da ottimizzare... ma non c'era nulla da fare, questo sistema non suonava affatto come desiderava.

Davide aveva già affidato alle nostre cure la Mercedes Classe A della moglie e, memore dell'ottimo risultato ottenuto, non ha esitato un istante a sottoporre alla nostra attenzione anche la sua nuova Q5.

Manco a dirlo Davide era alla ricerca di un upgrade del sistema originale che avesse il duplice obettivo di ottenere una performance sonora degna di nota, con un'immagine sonora veritiera ed una timbrica lineare e coinvolgente, e quello di mantenere completamente celato alla vista il nostro intervento per mantenere inalterata l'eleganza  degli interni della vettura.

Non ci è voluto molto per concordare insieme il progetto del nuovo sistema hi-fi per la Q5.

Cuore del sistema sarebbe stato l'amplificatore con DSP integrato Mosconi D2 80.6 DSP, che grazie alle sue incredibili dimensioni ha trovato posto sul supporto dell'amplificatore originale, all'interno del fianchetto sinistro del baule. In questo modo abbiamo azzerato l'ingombro del nuovo dispositivo.

Il Mosconi si occupa di interfacciarsi con l'amplificatore originale, dal quale riceve il segnale dei canali frontali e del subwoofer (permettendo così di mantenere il controllo del livello del sub dalla sorgente originale), per poi pilotare in bi-amplificazione il nuovo fronte anteriore ed il nuovo subwoofer.

Per il fronte anteriore abbiamo scelto di installare il sistema a 2 vie Rainbow GL-C6.2 AKTIVE in predisposizione. Come detto è stato pilotato in bi-amplificazione sfruttando 4 dei 6 canali del Mosconi ed affidando il filtraggio, l'equalizzazione e l'allineamento temporale al DSP del finale.

Originariamente la predisposizione del woofer in portiera accoglieva un componente da 200 mm flat (piatto, a ridotto ingombro). Abbiamo preferito sostituirlo con un componente da 165 mm (utilizzando un adattatore) non solo per la difficoltà nel reperire un woofer da 200 mm flat di gran qualità, ma soprattutto per la maggiore musicalità che un buon 165 avrebbe garantito in un contesto a 2 vie.

Il tweeter ha trovato posto nelle predispozioni ai lati del cruscotto, grazie ad una staffetta sagomata in modo da garantire un più corretto orientamento a tutto vantaggio della ricostruzione dell'immagine sonora.

Il subwoofer originale è stato scollegato ed al suo posto abbiamo convenuto di installare un componente meglio dimensionato in base alla volumetria dell'abitacolo ed alle prestazioni richieste da Davide: la gamma ultrabassa avrebbe dovuto essere profonda e ben modulata ma correttamente allineata con l'emissione del resto del sistema, senza protagonismi. Inoltre il subwoofer avrebbe dovuto lavorare direttamente nel volume del baule per non comprometterne l'emissione, quindi abbiamo optato per un modello in box e dal ridottissimo ingombro.

La scelta è caduta sul coriaceo Kicker TCompRT10, all'occorrenza facilmente asportabile grazie ad un connettore bi-polare. Esso viene pilotato dai rimanti 2 canali del Mosconi configurati a ponte.

Il canale centrale originale è stato scollegato essendo perfettamente inutile, anzi deletereo, per una corretta riproduzione stereofonica.

Il fronte posteriore originale è rimasto pilotato dall'amplificatore originale, viene escluso tramite il fader della sorgente originale per condurre gli ascolti più qualitativi per poi essere ripristinato quando si viaggia con passeggeri posteriori, nel qual caso solitamente si cerca un ascolto "di accompagnamento" più che una corretta riproduzione stereofonica.

L'ascolto del nuovo sistema hi-fi di Davide inizia con "I'm just a country boy" di Don Williams, che con la sua profonda e potente voce ci permette di saggiare le prime doti del sistema, soprattutto in gamma media che era la porzione di spettro più bistrattata dal sistema originale. Qui Davide, più alto del sottoscritto, ha richiesto un piccolo affinamento del centro della scena. Grazie alla versatilità del Mosconi D2 80.6 DSP abbiamo potuto far coincidere perfettamente, e velocemente, la voce di Williams con il centro della scena, ovvero del cruscotto.

Passiamo poi a "When the lights are low" di Helen Merrill, giusto per verificare la correttezza dell'affinamento della taratura e per assaggiare la porzione più alta della gamma media, appannaggio della voce femminile.

Davide è rimasto particolarmente colpito dall'emissione della gamma alta: precisa, estesa, mai invadente... "setosa" l'ha definita.

In successione scorriamo "Flowers" di Fabiana Martone, qui godiamo della grinta vocale dell'artista partenopea e la precisione nel riprodurre correttamente i pochi, reali, strumenti presenti (pianoforte, batteria, contrabbasso) che vengono posizionati nello spazio come previsto in fase di registrazione.

Ultimiamo la fase di ascolto con "Sloe Gin" interpretata da Joe Bonamassa in un'esecuzione live a Red Rocks, precisamente sul delta del Mississipi. Qui abbiamo a che fare con una riproduzione difficile, l'ambientazione all'aperto ed il pubblico antistante il palco vengono finalmente riproposti a dove, ma ad un certo punto l'ascolto critico lascia spazio al divertimento puro: l'eclettica band di Bonamassa fa scattare irrefrenabilmente il sorriso, la mano destra batte sul ginocchio ed il piede il ritmo... lasciando spazio solo alla musica!

0 articoli nel carrello


0,00 €Totale ordine:

VAI AL CARRELLO

  Avviso spedizioni

Tutti gli ordini in arrivo
verranno evasi

Lunedė 21 Agosto

DICONO DI NOI ...

Copertina ACS

AudioCarStereo

212  210  209  199  193