logo CENTRORADIO Snc (VE)

PRODUTTORI

PAGA SICURO

carte di pagamento

Toyota Auris Hybrid di Stefano: upgrade dell'impianto audio originale.


Stefano è un giovane entusiata della tecnologia e quando si è trovato a dover scegliere la sua nuova auto ha attinto a piene mani a questo entusiasmo ed ha scelto una futuristica auto ibrida, la Toyota Auris Hybrid!

Fin qui tutto bene... finchè non è arrivato il momento di accendere la sorgente integrata: la delusione per la resa sonora particolarmente moscia ha costretto Stefano a rinunciare ad ascoltare non solo la sua discografia preferita, ma perfino ha rinunciato ad ascoltare qualsiasi tipo di segnale sonoro, anche il giornale radio!

Eseguendo qualche ricerca sulla rete Stefano si è imbattuto nella nostra sezione "Album" ed ha potuto scoprire che noi affrontiamo quotidianamente e con un discreto successo gli upgrade degli impianti originali delle vetture di molteplici marchi. Dopo qualche veloce contatto via e-mail conveniamo che l'occasione per conoscerci arriva con "Tuttinfiera - La fiera del tempo libero"  tenutasi a Padova (città in cui vive Stefano) il 2 e d il 3 novembre 2013. Stefano viene a trovarci presso lo stand dell'Audio Design Gmbh dove siamo ospiti con la Renault Clio di Denis e l'Alfa Romeo 159 di Stefano, proprio con l'intento di condurre qualche ascolto di quest'ultima visto che è stata sottoposta ad un upgrade dell'impianto originale simile a quello a cui è interessato il nostro amico.

Le impressioni d'ascolto che Stefano coglie sono molto positive, anzi... forse un po' superiori a quanto si attendesse. Passano pochi giorni e Stefano viene a trovarci presso il nostro centro d'installazione e dopo una veloce ma significativa sessione di ascolti comparativi tra vari componenti concordiamo insieme il progetto del suo nuovo impianto hi-fi.

Il fatto che la vettura sia "ibrida" potrebbe sembrare una limitazione nella realizzazione di un sistema hi-fi amplificato, ed infatti lo sarebbe se si volesse installare una sezione amplificatrice tradizionale che graverebbe pesantemente sul sistema di alimentazione elettrica di questa sofisticata vettura.

Un altro scoglio insuperabile potrebbe sembrare il fatto che la sorgente originale non è sostituibile, visto che ad essa è affidato anche il compito di visualizzare varie informazioni dello status del sistema di propulsione ibrido oltre al fatto che offre già nativamente alcune funzioni apprezzate da Stefano come il navigatore satellitare e la connessione USB/iPod.

Questi due grossi problemi vengono risolti (ancora una volta...) scegliendo di utilizzare l'amplificatore con DSP integrato Match PP 82DSP, che in un colpo unico risolve ogni problema di assorbimento data la sua classe di funzionamento HD brevettata (pensata proprio per l'utilizzo su auto ibride) ed al contempo si trova a perfetto agio nel trattare il segnale audio fornito dalla sorgente originale.

Come da nostra usanza abbiamo configurato il sistema in modo da bi-amplificare il fronte anteriore, fronte composto da una coppia di woofer Helix P 206 e da una di tweeter Helix P 1. La scela di questi componenti è stata fatta nell'ottica di ricercare i componenti che potessero garantire la migliore qualità sonora possibile con la massima efficienza possibile e la bi-amplificazione è la soluzione migliore per poterne sfruttare tutte le potenzialità.

Il fronte posteriore è rimasto l'originale pilotato dalla sorgente, per un ascolto "sound quality" può essere facilmente eliminato agendo sul fader per poi reinserirlo quando si viaggia in compagnia di passeggeri posteriori e si necessita solamente di un "accompagnamento" musicale.

Come subwoofer abbiamo optato per una "giusta via di mezzo" con il Match PP 7E-D, infatti il baule dell'Auris (sebbene modulabile in altezza) non lascia molta libertà di occupare spazio ai bagagli. Anche se Stefano in cuor suo avrebbe preferito esagerare un po'...

Il risultato è un sistema ben bilanciato che finalmente restituisce a Stefano la sua voglia di ascoltare musica in auto aggiungendo un po' di gusto in più rispetto alle sue abitudini. Finalmente davanti all'ascoltatore si staglia una scena sonora credibile, ben dimensionata in tutte le sue dimensioni (ad onor del vero pecca un po' in altezza, ma le predisposizioni non possono fare ulteriori miracoli...) e timbricamente bilanciata. Rispetto alla condizione di partenza (impianto originale) non ci sono confronti praticabili nemmeno (ovviamente) sotto le voci dinamica e dettaglio della riproduzione, forse quelle che più interessavano Stefano.

Che dire... un upgrade "sostanzioso" e praticamente invisibile che può richiamare a pieno titolo l'espressione "Si può fare! ...anche sulle ibride..."

0 articoli nel carrello


0,00 €Totale ordine:

VAI AL CARRELLO

DICONO DI NOI ...

Copertina ACS

AudioCarStereo

212  210  209  199  193